1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Incentivi ICBI (Iniziativa Carburanti Basso Impatto)

GPL e metano, gli incentivi ICBI per ridurre l'inquinamento atmosferico

Eco-incentivi per consentire la trasformazione a metano e Gpl degli autoveicoli, una delle misure messe in atto dal ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare per ridurre l'inquinamento atmosferico.

L’Iniziativa Carburanti a Basso Impatto - denominata Icbi - tramite lo strumento della Convenzione tra Comuni, che annovera il Comune di Parma capofila e altre 674 Comuni aderenti, sta quindi operando per incentivare una mobilità sostenibile più rispettosa dell’ambiente. Il fondo destinato agli eco-incentivi ammonta a circa 1.807.500 euro.

Per usufruire dell’incentivo il cittadino residente in un Comune aderente ad Icbi (Iniziativa Comuni Basso Impatto), Lucca è uno dei comuni, deve recarsi presso uno degli installatori aderenti all’iniziativa per la trasformazione del veicolo e l’officina, dopo aver verificato che veicolo ed intestatario della carta di circolazione siano in possesso dei requisiti necessari, prenota via internet il contributo tramite la procedura messa a disposizione sul sito www.ecogas.it.

Il cittadino fruisce dell’incentivo tramite uno sconto riportato direttamente in fattura e il Comune capofila provvederà ad effettuare i rimborsi alle officine degli eco-incentivi erogati. Attualmente è stato impiegato circa il 50% del fondo destinato ai cittadini e circa il 6% del fondo destinato ai veicoli commerciali.

Un approfondimento merita l'iniziativa a favore dei veicoli dual-fuel, che prevede un contributo per le trasformazioni diesel/Gpl e diesel/metano con uso combinato dei due carburanti. L’importo delle agevolazioni è di 750 euro per le trasformazioni a gpl e 1.000 per quelle a metano. Il progetto, diretto alle aziende o enti pubblici con sede nei Comuni aderenti, dotate di Mobility Manager di Area o di Azienda, che trasformano uno o più veicoli, permetterà di sperimentare questo nuovo tipo di alimentazione e soprattutto di eseguire prove di emissioni che potranno essere utilizzate dagli amministratori per i blocchi della circolazione.

Complessivamente l’iniziativa Icbi, a partire dal 2001, ha reso possibile l’erogazione negli anni di oltre 44 milioni di euro di eco-incentivi per effettuare la conversione a Gpl e metano.

 

Gli incentivi

novità
Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Direzione Generale per il Clima e l’Energia – DIV.II Clima e Certificazione Ambientale - con nota prot. 13519 del 08/11/2017,  ha trasmesso il Decreto Direttoriale n. 509 del 08/11/2017 prevede l’estensione degli incentivi ICBI alle autovetture private di tipologia Euro 4 e l’eliminazione dalla fruizione per le autovetture di tipologia Euro 2.
Pertanto eventuali pratiche di trasformazione a metano o gpl di autovetture di tipologia Euro 2 potranno ricevere l'incentivo ICBI solo se prenotate presso le officine esclusivamente entro la data del 15.11.2017.

 

Hanno diritto al contributo di:

  • € 500 (€ 350 a carico del fondo ICBI e € 150 a carico dell’officina richiedente) per installazione impianti GPL su automezzi privati Euro 3-4 alimentati a benzina
  • € 650 (€ 500 a carico del fondo ICBI e € 150 a carico dell’officina richiedente) per installazione impianti metano su automezzi privati Euro 3-4 alimentati a benzina
  • € 750 per installazione impianti GPL su veicoli commerciali Euro 3-4-5
  • € 1.000 per installazione impianti metano su veicoli commerciali Euro 3-4-5
  • € 750 per installazione impianti GPL su veicoli commerciali con alimentazione diesel
  • € 1.000 per installazione impianti metano su veicoli commerciali con alimentazione diesel

Per maggiori informazioni

(All'interno del sito è possibile individuare gli installatori della provincia di Lucca)

 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 22 Febbraio 2018, alle ore 8:59