1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Il Consiglio comunale approva il rendiconto 2011

Assessore Sichi: "Non condividiamo il documento nelle scelte di fondo, ma per voltare pagina, lo dobbiamo votare".

Approvato in continuità amministrativa e con alcune riserve il rendiconto di Bilancio 2011. "Questo bilancio - ha spiegato l'assessore alle finanze Antonio Sichi -  evidenzia i difetti caratterizzati dalle scelte finanziarie della precedente amministrazione dove si è provveduto alla copertura della spesa corrente utilizzando entrate eccezionali o utilizzando in misura consistente i proventi degli oneri di urbanizzazione. In questo modo la stessa spesa corrente è lievitata attestandosi a livelli oggi non più sopportabili. In particolare perché si sono quasi azzerate per il futuro le entrate degli oneri di urbanizzazione. Da una parte perché il territorio è presso che completamente saturo e dall'altra per la scelta dell'attuale amministrazione di privilegiare il recupero e il restauro delle volumetrie esistenti.
"Una riflessione particolare - aggiunge l'assessore - dovrà essere fatta in futuro su quello che più volte la ragioneria e i revisori dei conti hanno presentato nelle loro relazioni negli ultimi 5 anni in accompagnamento ai bilanci consuntivi. In particolare per ciò che concerne i residui attivi e passivi ancora presenti in tali atti perché le nuove disposizioni ministeriali prevedono che siano cancellati entro il 2014. Altro fattore che dovrà essere tenuto sotto controllo per essere riportato all'interno di una normale gestione sono i debiti fuori bilancio visto che in questo esercizio si riferiscono addirittura fatture risalenti al 2005 o bollette per le utenze, spese largamente prevedibili. Il totale che ammonta 503.522, 57 euro - aggiunge l'assessore Sichi - lo dovremmo ora riconoscere nell'imminente bilancio di previsione 2012 che dovrà essere approvato dal Consiglio entro il 31 agosto 2012. Dovremmo porre particolare attenzione sul recupero dell'evasione tributaria e sulle multe non pagate visto che ultimi anni si attesta al 50%"
"L'Amministrazione comunale - spiega l'assessore - non condivide il rendiconto 2011 lasciato in eredità non nei numeri ma nelle scelte di fondo del suo impianto . Un anno fa lo abbiamo bocciato contrastandolo sul nascere oggi come forze di governo, per poter voltare pagina, lo dobbiamo votare".
Approvato inoltre il piano delle alienazioni. "La dismissione - ha spiegato l'assessore Sichi -  è sempre un atto doloroso per un amministrazione poiché si priva di un bene. Ma in questo momento di criticità economica se si vogliono realizzare opere importanti e prioritarie per la città si deve ricorrere anche ad entrate derivanti dalla vendita di parte del bene pubblico. Abbiamo cercato di inserire all'interno del documento quegli immobili che hanno una reale possibilità di essere collocati sul mercato o che avevano un acquirente nell'attuale affittuario come è il caso della Croce Verde di Ponte a Moriano che ha chiesto espressamente di acquistare la struttura. La stessa cosa è avvenuta per Sistema Ambiente che ha chiesto, al fine di mettere in atto alcuni interventi, di poter diventare proprietaria dell'immobile in chi si trova. Abbiamo poi inserito alcuni piccoli appezzamenti che saranno venduti al confinante che ne ha fatto richiesta e altri immobili che attualmente non rientrano nei progetti dell'amministrazione. Per gli immobili inseriti nel piano delle alienazione  del 2013-2014 l'amministrazione aprirà un dialogo con il Consiglio comunale e con i cittadini dei territori dove queste strutture sono collocate per valutarne l'utilità di mantenerle o non nel patrimonio pubblico".

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 21 Maggio 2014, alle ore 11:31