1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Giovani tra presente e futuro

 

Oggi il primo incontro del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze
Si tiene oggi il primo incontro del Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze. L'appuntamento per i 30 eletti delle scuole elementari e medie del territorio è questo pomeriggio alle ore 17 nell'aula consiliare di Palazzo Santini alla presenza del sindaco Alessandro Tambellini, del presidente del Consiglio Matteo Garzella, dell'assessora alle Politiche Formative e Politiche Giovanili Ilaria Vietina, l'assessora alla Partecipazione Katyuscia Tomei e la coordinatrice Valeria Giorgi. I ragazzi e le ragazze presenti sono stati eletti, uno per scuola, nelle quarte e quinte delle scuole primarie e nelle classi delle scuole medie. 
 
Inizia così il percorso partecipativo rivolto ai più piccoli che scaturisce dalla seduta consiliare del 20 novembre scorso quando, furono discusse e approvate le modifiche allo statuto del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze. L'incontro di questo pomeriggio permetterà ai piccoli consiglieri di conoscere gli amministratori della città e l'aula di Palazzo Santini. Le riunioni nei prossimi mesi infatti si alterneranno poi tra l'aula del Consiglio comunale e i locali dell'ex circoscrizione di San Concordio (ex scuola di Via Urbicciani). Ogni rappresentante del consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze si farà tramite presso la propria scuola di appartenenza per coinvolgere i compagni di studi su temi importanti che interessano tutti da vicino: uno degli argomenti che saranno affrontati sarà infatti lo studio della Costituzione
 
I piccoli resteranno in carica per due anni durante i quali sono chiamati a discutere alcune tematiche fornite dal Consiglio comunale sulle quali dovranno poi formulare, in modo autonomo, proposte. La novità inserita nel regolamento lo scorso novembre, riguarda il fatto che i progetti redatti dai ragazzi e dalle ragazze dovranno poi essere vagliati dai consiglieri comunali - tenuti ad esprimere un parere motivato sia in caso di accoglienza che di diniego - e, là dove possibile, concretizzati. 
 
"Si tratta di un vero e proprio processo di crescita del senso della responsabilità civile e di partecipazione attiva che coinvolge il Comune, le scuole del territorio e le famiglie  - spiegano gli amministratori - Riteniamo questo percorso molto importante poiché i ragazzi e le ragazze non sono solo cittadini di domani, ma del presente. Le proposte avanzate dai giovani ci aiuteranno a capire il loro punto di vista per capire quale modello di città auspicano: crediamo che disegnare il territorio a misura di bambino e di bambina infatti voglia dire realizzare una città a misura di tutti. Il consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze di Lucca sarà poi parte integrante di una rete di altri organi similari entrando quindi a far parte di un processo più ampio che ha come obiettivo quello di rendere le nostre città sempre più accessibili".

 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 21 Maggio 2014, alle ore 11:31