1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Scuola "D.Chelini" di San Vito: 1 milione di euro per la riqualificazione.

Il progetto prevede interventi di manutenzione straordinaria e ristrutturazione, riqualificazione energetica, adeguamento normativo e potenziamento della connessione internet

In arrivo 1 milione di euro da destinare alla scuola secondaria di primo grado "Domenico Chelini" di San Vito per un ingente intervento di manutenzione straordinaria e ristrutturazione, riqualificazione energetica, adeguamento normativo e potenziamento della connessione internet.

Il finanziamento scaturisce dalla delibera della Giunta Tambellini approvata a settembre 2013 con cui veniva deciso di candidare il progetto al bando regionale per l'assegnazione delle risorse messe a disposizione dal "Decreto del Fare" (D.L del 21 giugno 2013 n°69, convertito in legge il 9 agosto 2013 n.98), per l'attuazione di misure urgenti di riqualificazione e messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche. L'intervento ha ottenuto l'inserimento nella graduatoria stilata dalla Regione Toscana, settore Istruzione ed Educazione, per il reperimento delle risorse ministeriali.

"Si tratta di un finanziamento importante per la riqualificazione di una delle scuole del nostro territorio - commentano l'assessore ai Lavori Pubblici Francesca Pierotti e l'assessore alle Politiche Formative Ilaria Vietina - Abbiamo accolto con soddisfazione la notizia dell'inserimento del nostro progetto nella graduatoria regionale poiché permetterà di concretizzare lavori consistenti che miglioreranno le condizioni e la sicurezza della scuola, aumentando quindi il benessere di tutti coloro che frequentano l'edificio. La scuola "Chelini" - proseguono gli assessori - risulta particolarmente bisognosa di interventi di manutenzione e ristrutturazione in considerazione dello stato di degrado in cui versa attualmente. Ringraziiamo quindi il settore "Edilizia sportiva e scolastica" per aver redatto un progetto esecutivo in grado di migliorare in modo consistente l'istituto passando dalla riqualificazione della struttura dell'edificio, al miglioramento energetico, al potenziamento della connessione internet".


Recupero e riqualificazione delle facciate - Il progetto prevede il risanamento delle strutture in cemento armato mediante la loro bonifica, ricostruzione con  apposite male e trattamento con speciali pitture anticarbonatazione. Le facciate verranno riqualificate mediante il rifacimento delle porzioni di intonaco deteriorato, la stuccatura delle lesioni e la coloritura con pitture silossaniche traspiranti, al fine di preservarle dal degrado causato dalle intemperie. Le lavorazioni risultano di notevole importanza, a causa del pericolo di caduta dall'alto di porzioni di cemento. Inoltre l'aggravarsi dello stato di degrado delle strutture poteva risultare rischioso anche sulla staticità dell'immobile.

Riqualificazione energetica - L'intervento prevede di migliorare le prestazioni energetiche dell'edificio coibentando la copertura, uno degli elementi edilizi che presenta la maggior dispersione termica. Si provvederà pertanto alla rimozione della vetusta impermeabilizzazione in guaina bituminosa fino a ritrovare l'estradosso del solaio. Su questo verrà applicata una barriera al vapore e l'isolante termico in pannelli di polistirene estruso XPS. Il tutto verrà quindi nuovamente impermeabilizzato con doppio strato di guaina bituminosa con una mescola in bitume APP maggiormente resistente all'aggressione dei raggi ultravioletti, così da migliorarne la curabilità nel tempo. Infine il manto impermeabilizzante verrà protetto con pittura ad alta riflettibilità ed emessività migliorando in questo modo il surriscaldamento estivo. In conformità alla normativa vigente si è previsto di adottare quali misure preventive e protettive che possano consentire, nella successiva fase di manutenzione dell'edificio in oggetto, l'accesso, il transito e l'esecuzione dei lavori in quota in condizioni di sicurezza, una protezione collettiva costituita da un parapetto da installare sulla veletta dell'edificio e l'installazione di una scala a pioli con gabbia di protezione per salire in quota.

Adeguamento rapporto aeroilluminanti locali segreteria - Tali ambienti possiedono attualmente vecchi infissi con apertura del tipo a sporgere che non garantiscono i necessari requisiti di areazione degli ambienti di lavoro. Pertanto si prevede la loro sostituzione con nuovi serramenti del tipo anta ribalta in modo tale da poter adeguare gli ambienti al D.M. 5 luglio 1975 e ai regolamenti d'igiene locali. Tali infissi saranno inoltre realizzati in conformità alle leggi sul contenimento energetico, contribuendo in questo moda a migliorane ulteriormente la riqualificazione energetica.

Adeguamento normativo servizio igienici  - E' prevista la riqualificazione delle vetuste batterie dei bagni del padiglione sud/ovest. Tale intervento consentirà di ripristinare i necessari requisiti igienico sanitari e una loro riorganizzazione planimetrica, adeguandoli alla normativa sull'abbattimento delle barriere architettoniche. In questo modo, grazie all'ascensore già presente, tutti i piani del padiglione in oggetto potranno essere utilizzati in autonomia anche da persone diversamente abili, requisito recentemente ribadito anche nelle nuove linee guida sull'edilizia scolastica emesse nell'aprile 2013 dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Adeguamento impianto termico - Nelle due palestre verrà adeguato l'impianto termico mediante la sostituzione delle attuali aerotermi con più moderne ed efficienti unità termoventilanti.

Potenziamento connessione internet - Per consentire l'impiego di apparati tecnologici e il conseguente approccio alle nuove tecniche e ai nuovi processi di insegnamento, verrà potenziata la connessione internet utilizzando la tecnologia WIFI.

 


 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 21 Maggio 2014, alle ore 11:32