1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Edilizia agevolata e sovvenzionata al quartiere Giardino: ripartiti i lavori ai cantieri. Le prime assegnazioni avverranno già nel mese di gennaio 2014

Edilizia agevolata e sovvenzionata al quartiere Giardino: ripartiti i lavori ai cantieri. Le prime assegnazioni avverranno già nel mese di gennaio 2014

L'assessore alle politiche abitative Antonio Sichi, l'assessore all'urbanistica Serena Mammini, il presidente di Erp Srl Francesco Franceschini, i tecnici dei rispettivi enti e l'amministratore unico di Lucca Holding Progetti Speciali e Risorse Srl Andrea Bertoncini hanno effettuato un sopralluogo a Pontetetto al cantiere del progetto denominato "Contratto di Quartiere II". Obiettivo della visita era la valutazione dello stato dei lavori dopo la rescissione in danno del contratto con la ditta appaltatrice avvenuta nel mese di ottobre: i lavori sono ripartiti, il completamento delle opere è stato ri-assegnato e si prevedono tempi rapidi di completamento.
Nel dettaglio per i 50 appartamenti di edilizia agevolata a canone calmierato, suddivisi in due blocchi da 23 e 27 appartamenti la cui realizzazione è diretta e coordinata da Erp Srl, i lavori sono praticamente conclusi, mancano solo alcune rifiniture esterne, per cui è prevedibile che entro la fine del mese di gennaio gli alloggi possano essere assegnati alle famiglie vincitrici del bando di assegnazione regionale. Si tratta di appartamenti di varie metrature dotati di ripostiglio interno e garage coperto al piano terra, oltre a spazi esterni di verde condominiale.
Per i 26 appartamenti di edilizia sovvenzionata sperimentale, la cui realizzazione è coordinata da Erp in nome e per conto di LHRP&S, i lavori hanno raggiunto una percentuale di realizzazione vicina al 95% per cui è prevedibile un assegnazione entro la fine del mese di aprile 2014. In questo caso si tratta di appartamenti realizzati all'interno di un unico edificio che si sviluppa di quattro corpi scala ed al piano terra sono distribuiti i posti auto coperti oltre a cantine di pertinenza e ad una centrale termica che, integrata da un sistema solare termico, fornisce acqua calda sanitaria e riscaldamento per tutto il blocco.
I 50 + 26 alloggi si presentano con un'unica grande area, dove vi è un elevata presenza di aree a verde e di una viabilità comunale perimetrale.
Infine fanno parte del progetto di riqualificazione del quartiere Giardino anche la costruzione di altri 36 alloggi di edilizia sovvenzionata sperimentale, dei quali 5 sono destinati a proprietari privati che nel tempo avevano riscattato gli appartamenti a loro assegnati e che hanno accettato di veder demolite le vecchie abitazioni in cambio delle nuove fatte con tecniche costruttive ben più evolute. Il termine dei lavori per questo plesso  è previsto per l'estate  2014.
"E' interesse primario dell'amministrazione comunale e del soggetto gestore cercare di rispondere in tempi certi e con modalità certe al crescente aumento di domanda abitativa popolare - affermano gli assessori Sichi e Mammini, il presidente di Erp Franceschini e l'amministratore unico Bertoncini - in un periodo di crisi economica come quello che stiamo attraversando le domande collegate all'emergenza abitativa sono in notevole aumento. Proprio per questo l'attenzione della giunta comunale rispetto al contratto di quartiere collegato alla riqualificazione di Pontetetto è sempre stata molto alta e con il sopralluogo di oggi è possibile affermare con una ragionevole certezza i tempi di assegnazione degli alloggi. E' importante però riconoscere che ci sono stati molteplici rinvii derivati dalle complicazioni che nel tempo hanno avuto le diverse società incaricate di fare i lavori, per altro individuate con procedure di evidenza pubblica così come indicato dalla legge. E' utile ricordare - aggiungono - che il progetto "Contratto di Quartiere II" si pone quale obiettivo non solo quello di rispondere all'emergenza abitativa e di eliminare le situazioni di degrado edilizio ma anche e soprattutto quello di riqualificare complessivamente l'intera area, realizzandovi anche una nuova piazza, dei parcheggi e delle aree attrezzate a verde pubblico. Per concludere occorre  sottolineare che per effettuare le opere attualmente in essere e quelle future si è reso necessario bonificare l'area attraverso la regimazione idraulica dei canali Piscilla e Cesana."

 


 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 21 Maggio 2014, alle ore 11:32