1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina

Contenuti della pagina
 

Avvisi di accertamento in notifica nel mese di settembre ottobre 2017

Sono in fase di spedizione e consegna le raccomandate postali contenenti gli avvisi di accertamento ICI-IMU, relativi agli anni --2011-2012-2013-2014 (aree fabbricabili) e anni 2014(fabbricati)..
L'Ufficio Tributi riceve solo su appuntamento dal martedì al venerdì, da fissare per telefono al numero e nell’orario indicato sull'avviso pervenuto al contribuente: chiamare dalle ore 9.30 alle ore 12.30 tutti i giorni dal lunedì al venerdì.
n.b. non si riportano i numeri in questione per non creare disguidi, dato che tali numeri sono diversi a seconda che l'avviso contenga o no delle aree fabbricabili.
L'interessato può comunque segnalare all'ufficio eventuali errori o presentare documentazione attinente all'accertamento via pec all’indirizzo: comune.lucca@postacert.toscana.it, per posta ordinaria, per fax al n° 0583 442069 o per email ad una delle seguenti caselle:

per avvisi "aree fabbricabili":                                                                            
areefabbricabili@comune.lucca.it
per avvisi "fabbricati":
abiagini@comune.lucca.it;
cfranchini@comune.lucca.it;
eolivieri@comune.lucca.it;
mtlucchesi@comune.lucca.it;
mpassaro@comune.lucca.it
avolpe@comune.lucca.it

Nel caso che l'ufficio accerti la presenza di errori nell'accertamento, provvederà direttamente all'annullamento o alla rettifica in via di autotutela.
Il pagamento di quanto dovuto va fatto entro 60 giorni dal ricevimento dell'avviso di accertamento, utilizzando l'apposito modello F24 - violazioni allegato.
Resta in ogni caso possibile il ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Lucca, da presentare con le modalità indicate sull'avviso stesso.

Modulistica avvisi

Resta in ogni caso possibile il ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Lucca, da presentare con le modalità indicate sull'avviso stesso.

Il Comune, su richiesta del contribuente, nell'ipotesi di temporanea situazione di obiettiva difficoltà,può concedere la ripartizione dell' importo relativo all'avviso di accertamento IMU, se di importo superiore a €300,00, fino ad un massimo di 12 mesi (vedi art.11 della delibera Cc n°50 del 3.9.2012 - Regolamento IMU)

 

Il contribuente raggiunto da un avviso di accertamento di tributi comunali ha facoltà di richiedere l’applicazione dell’istituto dell’accertamento con adesione, formulando istanza di rideterminazione del tributo. Tale istanza, da inoltrare entro il termine per la proposizione del ricorso alla Commissione Tributari (60 gg. dalla notifica), di cui sospende il decorso per 90 gg., deve contenere, a pena nullità, le ragioni di fatto e di diritto sui cui si fonda la richiesta. In caso di accordo tra ufficio e contribuente viene redatto un verbale contenente l’importo dovuto. In caso di mancato accordo rimane valido l’accertamento originario, che il contribuente può impugnare con ricorso alla Commissione tributaria provinciale di Lucca.
Normativa: Decreto legislativo 19 giugno 1997 n. 218; regolamento per la disciplina dell'accertamento con adesione del contribuente (approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 165 del 22.12.1998).

 
 
 
 

Cos'è l' Imposta Unica Comunale, IUC (IMU - TASI)

Dal 2014 è in vigore l'imposta unica comunale (IUC), che in realtà non è unica, ma si compone di tre tributi diversi:

  • l'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali;
  • il tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile;
  • la tassa sui rifiuti , destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore.Dal 2016 la TARI è sostituita dalla TARIFFA CORRISPETTIVA  per maggiori informazioni consultare il  sito :/www.sistemaambientelucca.it/it/tariffe/tariffa-corrispettiva/
 

Il Comune di Lucca ha disciplinato la IUC con il regolamento approvato dal Consiglio Comunale con la deliberazione n.18 del 6/5/2014 modificata dal Consiglio Comunale con deliberazioni n° 28 del 27.4.2015 e n° 14 del 19.4.2016, regolamento che contiene appunto le disposizioni relative ai tributi in questione: IMU, e TASI. 
Le aliquote IMU e TASI per l'anno 2016 sono state approvate con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 19/4/2016 pubblicata il 03.05.2016
Le suddette deliberazioni, con i relativi allegati, pubblicate di seguito, sono presenti anche sul sito del Dipartimento delle Finanze del Ministero dell'Economia e Finanze, all'indirizzo www.finanze.it.

Novità Imu-Tasi per l'anno d'imposta 2017

Con la legge di Bilancio 2017 non sono state introdotte novità in materia IMU-TASI. L’art. 1, c. 42, L. 232/2016 ha infatti solamente confermato la sospensione dell’efficacia delle deliberazioni comunali di incremento dei tributi anche per l’anno d’imposta in corso e la maggiorazione della TASI prevista dai Comuni nel 2016, previa deliberazione del consiglio comunale.
Resta in vigore tutto quanto precedentemente stabilito dalla Legge 28 dicembre 2015, n. 208.

Nell’anno 2017non ci sono novitàlegislative o regolamentarinella disciplina IMU e TASI;anche le aliquote sono le stesse dell’anno 2016.


 
 

N.B. nei casi in cui spetta la riduzione alla metà prevista per i comodati tra parentiin linea retta entro il primo grado(vedi Nota Informativa) di cui all’art. 13, comma 3, lettera 0a), del decreto legge 6.12.2011 n° 201, convertito con modificazioni dalla legge 22.12.2011 n° 214: per questi ultimi va infatti necessariamentepresentata la dichiarazione IMUper espressa previsione di legge.

 

Calcolatore IMU TASI 2017

 
 
 

TASI

Il tributo per i servizi indivisibili (TASI) è uno dei componenti dell'imposta unica comunale (IUC), introdotta a decorrere dall'anno 2014 e costituita anche dall'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali.
.

 
 

Per richiedere somme pagate e non dovute:

 

IMU

L'imposta municipale propria (IMU) è una delle tre componenti della IUC, ed è dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, ad eccezione di quelle di categoria A/1, A/8 e A/9.

Si ricorda che il 30 giugno 2016  scade il termine per la presentazione della  dichiarazione IMU relativa alle variazioni avvenute nell' anno 2015.

 
 

Per comunicare le variazioni avvenute utilizziamo il modello  per

 

Per richiedere somme pagate e non dovute;

Aree Fabbricabili

Enti non commerciali

Sulla Gazzetta Ufficiale n° 153 del 4.7.2014 è stato pubblicato il decreto 26.6.2014 del Ministero dell’Economia e Finanze,di approvazione del modello di dichiarazione dell'IMU e della TASI per gli enti non commerciali, con le relative istruzioni.
La dichiarazione in questione riguarda esclusivamente gli enti non commerciali che posseggono immobili oggetto dell’esenzione di cui all’art. 7, comma 1, lett. i), del decreto legislativo n. 504 del 1992. Pertanto, gli enti non commerciali che possiedono esclusivamente immobili che non rientrano in tale fattispecie di esenzione devono presentare la dichiarazione ordinaria.

Per informazioni sulle modalità di presentazione delle dichiarazioni (telematica), modelli e istruzioni si rinvia al sito www.finanze.it  alla pagina:
 http://www.finanze.it/export/finanze/Per_conoscere_il_fisco/Fiscalita_locale/imu_tasi_enc/index.htm

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Martedì, 12 Dicembre 2017, alle ore 12:06