1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Certificato di Idoneità alloggiativa

Che cos'è

Il certificato di idoneità alloggiativa attesta l'abitabilità dell'alloggio in cui vive il cittadino straniero, ovvero certifica che l'alloggio stesso rientri nei parametri minimi previst idalla legge per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica.
Il Comune rilascia la certificazione di idoneità di alloggio per i locali in uso o di proprietà dei cittadini immigrati; la certificazione è necessaria nel caso di:

  • ricongiungimento familiare
  • rinnovo del permesso di soggiorno
  • richiesta carta di soggiorno
  • motivi di lavoro

Come fare

I moduli per la richiesta della certificazione di idoneità sono disponibili presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico (o scaricabili dalla rete).
Alla domanda deve essere allegata una marca da bollo e devono essere allegati, in copia/originale, i seguenti documenti:

  • documento di riconoscimento valido: carta di identità o permesso di soggiorno
  • contratto di locazione o comodato gratuito registrato
  • contratto di acquisto o ultimo bollettino pagamento ICI/IMU
  • planimetria dell'alloggio controfirmata dal Tecnico e dal Richiedente
  • visura catastale
  • certificazione in originale a firma di tecnico abilitato o rilasciata dalla competente ASL, dalla quale risulti che l'alloggio, per il quale si richiede la certificazione,  abbia i requisiti igienico-sanitari nonchè abbia idoneità abitativa di cui al Decreto 5 luglio 1975 del Ministero della Sanità

La domanda deve essere presentata dalla persona cui è intestato il contratto (o da un co-intestatario).
Nel caso in cui l'intestatario del contratto sia un italiano, la domanda deve essere presentata dal proprietario dell'abitazione.

Indicazioni tecniche

La circolare n. 7170 del 18 novembre specifica che "la certificazione relativa all’idoneità abitativa potrà fare riferimento alla normativa contenuta nel Decreto ministeriale 5 luglio del 1975 che stabilisce i requisiti igienico-sanitari principali dei locali di abitazione e che precisa anche i requisiti minimi di superficie degli alloggi, in relazione al numero previsto degli occupanti".

Al fine quindi di assicurare una interpretazione omogenea su tutto il territorio nazionale la nuova tabella di riferimento è la seguente:

Superficie per abitante

1 abitante - 14 mq
2 abitanti - 28 mq
3 abitanti - 42 mq
4 abitanti - 56 mq
per ogni abitante successivo + 10 mq

Composizione dei locali
Stanza da letto per 1 persona - 9mq
Stanza da letto per 2 persone - 14mq
+ una stanza soggiorno di 14mq

Per gli alloggi mono-stanza
1 persona - 28 mq (comprensivi del bagno)
2 persone - 38 mq (comprensivi del bagno)

Altezze minime
Gli alloggi dovranno avere una altezza minima di 2,7 mt derogabili a 2,55 mt per i comuni montani e a 2,4 mt per i corridoi, i bagni, i disimpegni e i ripostigli

Aerazione
Soggiorno e cucina devono essere muniti di finestra apribile mentre i bagni dovranno essere dotati, se non finestrati, di impianto di aspirazione meccanica

Impianto di riscaldamento
Gli alloggi dovranno essere muniti di impianto di riscaldamento ove le condizioni climatiche lo rendano necessario

Dove rivolgersi e quando

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Via del Moro n. 17 - Lucca

tel. 0583/442444-442303

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 12 Aprile 2018, alle ore 9:32