1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina

Contenuti della pagina

Lavori socialmente utili

La giunta comunale nella seduta dello scorso 26 aprile ha stabilito infatti di riproporre i lavori di pubblica utilità per impiegare con contratti di lavoro a tempo determinato cittadini lucchesi disoccupati e privi di reddito, stanziando per questo fine 150.000 euro derivati al Comune di Lucca in ragione delle politiche di accoglienza e ospitalità dei migranti.

La prima edizione dell’iniziativa, che si è chiusa nelle scorse settimane, ha visto il coinvolgimento di 17 persone iscritte nelle liste di disoccupazione del Centro per l’Impiego, che sono state impiegate in tutta una serie di interventi relativi a piccole manutenzioni sulle strade e nelle scuole, con contratti a tempo determinato.

Per quanto riguarda gli ambiti in cui verranno impiegati i cittadini disoccupati che avranno risposto all’avviso, la giunta ha stabilito di confermare tutta una serie di interventi di piccola manutenzione utili a migliorare il decoro, sia sul fronte della viabilità pubblica che su quello dell’edilizia scolastica. Ci saranno, fra l’altro, lavori di pulizia delle zanelle, delle ringhiere stradali, delle vetrate e plafoniere dei sottopassi, la rimozione di adesivi dai pali e dalla segnaletica stradale, la pulizia dei cartelli stradali e turistici, la cancellazione di scritte su edifici pubblici, tinteggiature di aule e altri lavori di manutenzione delle scuole e degli spazi esterni di pertinenza.

Una volta chiuso l’iter legato alla selezione, gli interventi dei lavori socialmente utili potranno entrare nel vivo durante i mesi estivi.

Avviso pubblico per i lavori socialmente utili rivolto a persone disoccupate residenti nel Comune di Lucca - approvato l'elenco degli ammessi con riserva

Con Determinazione dirigenziale n. 1276 del 10/07/2017 è stato approvato l'elenco degli ammessi con riserva e degli esclusi alla procedura in oggetto.
Nei prossimi giorni sarà verificata la sussistenza degli altri requisiti previsti dal bando e sarà approvato l'elenco definitivo degli ammessi

 

Avviso pubblico per i lavori socialmente utili rivolto a persone disoccupate residenti nel Comune di Lucca - presentazione domande prorogata al 19 giugno 2017

Per questa nuova edizione dei lavori socialmente utili gli interessati dovranno presentare domanda per essere inseriti in un bacino di soggetti disoccupati o inoccupati e disponibili all’impiego con contratti a tempo determinato, al quale dovranno attingere le cooperative di tipo B che a loro volta avranno dato disponibilità a partecipare al progetto.

La domanda, di seguito scaricabile, dovrà essere consegnata al Protocollo del Comune entro il 19 giugno accompagnata da una fotocopia del documento di identità.

Per  fare domanda è necessario essere cittadini residenti nel Comune di Lucca, essere disoccupati o inoccupati iscritti al Centro per l’Impiego, non percepire ammortizzatori sociali o pensioni al momento della presentazione della domanda e avere un Isee pari a 0.

Avviso di manifestazione di interesse rivolto alle cooperative sociali di tipo B - manifestazione interesse entro il 5 giugno 2017

Pubblicato inoltre l'avviso di manifestazione di interesse rivolto alle cooperative sociali di tipo B che la legge statale e uno specifico indirizzo approvato dalla giunta con delibera del 4 aprile 2016 individua come soggetti in grado di favorire l’integrazione sociale delle persone svantaggiate attraverso attività volte all’inserimento lavorativo delle stesse.

Anche in questo caso le cooperative sociali di tipo B o loro consorzi dovranno rispondere all’avviso entro il 5 giugno. Questi requisiti necessari: una esperienza di almeno 12 mesi nei settori oggetto dell’avviso e non trovarsi in una delle ipotesi di esclusione previste dall’articolo 80 del Decreto legislativo 50 del 29 aprile 2016.

Le cooperative selezionate dovranno stipulare con il Comune una convenzione, sulla base della quale verranno loro affidati pacchetti di servizi del valore di 25.000 euro ciascuno: le cooperative dovranno utilizzare per ciascuna convenzione almeno tre persone prelevate dal bacino scaturito dal bando pubblico, con contratti a tempo determinato di almeno 240 ore complessive.

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Martedì, 11 Luglio 2017, alle ore 13:04