1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Arriva a Lucca LastMinuteSottoCasa(LMSC): l’applicazione che riduce lo spreco alimentare, promuove il piccolo commercio e riduce i rifiuti

09/10/2017

Arriva a Lucca grazie all’amministrazione comunale e a Sistema Ambiente spa l’applicazione per ridurre lo spreco alimentare e promuovere il commercio di prossimità. L’idea è semplice ed estremamente utile: mettere insieme i commercianti che a fine giornata si ritrovano con il prodotto che si avvicina a scadenza e i clienti sempre alla ricerca dell’offerta dell’ultimo minuto.  Sulla base di questa semplice intuizione due  innovatori torinesi - Francesco Ardito e Massimo Ivul - hanno creato il portale e l’applicazione LastMinuteSottoCasa – www.lastminutesottocasa.it, una vera e propria comunità contro lo spreco alimentare a favore dell’interazione fra cittadini e negozianti.

Questa mattina si è tenuta a Palazzo Orsetti la conferenza stampa di presentazione alla presenza degli assessori allo sviluppo economico Valentina Mercanti e all’ambiente Francesco Raspini, del presidente di Sistema Ambiente spa Matteo Romani e del direttore Roberto Paolini, di Nicola D'Olivo rappresentante di Confcommercio e del fondatore di LastMinuteSottoCasa Francesco Ardito.

LastMinuteSottoCasa, è nato all’interno dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino prima come  portale, poi come app per smartphone, che propone una nuova formula di live-marketing di prossimità e che consente ai negozi con prodotti alimentari in eccedenza e in scadenza di informare con immediatezza e semplicità i cittadini che si trovano nelle vicinanze del loro negozio dell’opportunità di acquistare prodotti alimentari, a due passi da casa, a prezzi fortemente scontati.  I clienti indicano, in fase di registrazione, a che distanza (da dove vivono normalmente o si trovano in viaggio) vogliono ricevere le proposte, in tempo reale e da quali tipologie di negozio, ricevendo così solo le offerte sotto-casa e per le categorie di prodotto realmente desiderate. L’applicazione, estremamente intuitiva e semplice, premette la visualizzazione dei negozi e delle offerte direttamente sulla mappa interattiva.

Il vantaggio è molteplice: per il negoziante, che realizza un incasso aggiuntivo e vede entrare nuovi clienti nel proprio esercizio; per il cliente, che risparmia acquistando un prodotto fresco, ma soprattutto per l’ambiente, che vede recuperati prodotti che diversamente sarebbero finiti nei rifiuti e l’economia, che vede valorizzate le risorse locali.
Durante il percorso di sviluppo del portale e dell’app si sono potute apprezzare le potenzialità di questo strumento che tutela non soltanto il commerciante, il consumatore e ambiente, ma permette alla categoria dei piccoli esercizi commerciali di ridurre il divario tecnologico rispetto ad altri soggetti più organizzati e di essere visualizzati può efficacemente sul territorio.

“La rivoluzione globale del commercio in questi venti anni ha profondamente mutato anche il nostro territorio, ma la tecnologia oggi mette a disposizione nuove risorse in grado di valorizzare la piccola distribuzione, promuoverne la qualità e combattere l’omologazione più deleteria della globalizzazione – ha dichiarato l’assessore Mercanti –. Il Comune di Lucca intende fare tutto quanto è possibile per aiutare le antiche e nuove ‘botteghe’ ad essere presenti nei luoghi ‘virtuali’ della rete per competere con strumenti efficienti e ricreare rete sociale su territorio reale, il tutto in un'ottica di città che vogliamo sempre più improntata alla sostenibilità”.

“Mai come in questo momento le abitudini di milioni di singoli consumatori incidono complessivamente sulla qualità dell’ambiente in cui viviamo e sul futuro del pianeta – ha aggiunto l’assessore Raspini – fornire un’applicazione che aiuta l’economia circolare anche nella complessa realtà della provincia italiana, significa ridurre gli sprechi, ridurre i costi di smaltimento e di trasporto, valorizzare le risorse e i prodotti che abbiamo già presenti sotto casa senza saperlo”.

Per favorire la diffusione dell’applicazione sul territorio comunale, Sistema Ambiente spa, il gestore lucchese dei rifiuti, ha finanziato con 11mila euro il progetto, mettendo così a disposizione il servizio gratuitamente per i commercianti lucchesi per i primi sei mesi.


 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 09 Novembre 2017, alle ore 17:17