1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Progetto "Abitare Supportato In-Comune": intervento in ambito socio-abitativo a favore dei “Soli”

Lunedì 29 gennaio 2018 alle ore 10.30 a S.Maria del Giudice avverrà l'inaugurazione degli appartamenti e la consegna delle chiavi

Abitare Supportato In-Comune

L'Amministrazione Comunale di Lucca vuole provare a trasformare il disagio di chi non ha casa o non riesce a mantenerla, in un percorso di sostegno reciproco nella gestione della vita quotidiana.

Comune di Lucca, ERP Lucca S.r.l. e USL Nord Ovest Zona Piana di Lucca intendono implementare l'utilizzo dell'abitare supportato come modalità operativa basata sulla creazione e il coordinamento di una rete tra i soggetti interessati che collaborano tra loro per risolvere l'emergenza abitativa dei soli tramite la strategia del vivere insieme.

Nasce così il progetto Abitare Supportato In-Comune
, che prevede l'attivazione di coabitazioni basate su patti di convivenza con scambio di servizi e divisione delle spese così da rendere l’alloggio uno spazio accessibile a più persone, con costi minori. Il Comune di Lucca ha partecipato al Bando della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, la quale ha approvato la richiesta di cofinanziamento in modo da poter dar corpo a tale progettualità.
Tale progetto prende concretamente avvio dalla messa in disposizione di due alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica siti in S. Maria del Giudice.

E' uno strumento caratterizzato dalla temporaneità, come periodo intermedio di passaggio da una situazione di esclusione sociale ad un recupero della propria autonomia. I soggetti coinvolti saranno singoli uomini, in età adulta, con forte disagio abitativo, seguiti dai Servizi Sociali dell'A.C. o della USL, privi di reti formali e informali di sostegno e dovranno possedere una capacità di autonomia di base che, attraverso un buon accompagnamento all'abitare in entrata e in itinere, permetta loro di acquisire capacità di organizzazione e di gestione autonoma di una casa. I coabitanti firmeranno un patto di convivenza, che descriverà gli impegni economici e di buona gestione dell'abitazione (quote di compartecipazione delle spese di affitto e bollette, cura delle camere e pulizia dei luoghi a comune, attività di sostegno reciproco) e un regolamento, predisposto dalle tre parti firmatarie, che definirà nel dettaglio le regole della convivenza.

Lunedì 29 gennaio 2018 alle ore 10.30 a S.Maria del Giudice, Via XXIV Maggio 251/D e 251/E, avverrà l'inaugurazione degli appartamenti e la consegna delle chiavi.

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Martedì, 30 Gennaio 2018, alle ore 11:38