1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Valorizzazione delle rocche e delle fortificazioni di confine: l'amministrazione intende sviluppare una partnership fra Lucca e Pisa

29/03/2018

Una parternship Lucca-Pisa per la valorizzazione delle rocche e delle fortificazioni che corrono lungo i pendii e i paesi al confine fra le due province. È il progetto che l'assessore Gabriele Bove, con delega ai patti di confine e alla partecipazione, vuole sviluppare insieme con l'assessorato alla cultura e con le associazioni e i cittadini interessati. “Proprio nei giorni scorsi – spiega Bove – ho partecipato a Pisa alla conferenza “Le fortezze del confnie Pisa-Lucca”, alla quale ha preso parte anche l'associazione “Il Castello” di Nozzano. Ciò che ho sottolineato è la necessità di procedere con la riqualificazione e la promozione dei castelli e delle rocche di confine e dei relativi percorsi. L'iniziativa al di là di tutti gli aspetti culturali e dei relativi riflessi turistici, che giocano un ruolo centrale in questa partita, rientra anche nel quadro del progetto dei patti di confine e del completamento ideale e materiale dei collegamenti che già esistono tra Lucca e il territorio pisano, uno su tutti la pista ciclopedonale Giacomo Puccini”.

La finalità che l'amministrazione Tambellini vuole raggiungere è quella di creare occasioni di sviluppo per i territori più periferici rispetto al centro storico, stimolare la partecipazione degli abitanti in progetti di riappropriazione degli spazi pubblici e intercettare bandi e finanziamenti per realizzare interventi che rispondano alle esigenze di decoro urbano, sicurezza, viabilità, mobilità e cultura. “Il recupero dei castelli e delle fortificazioni – aggiunge l'assessore – avrebbe notevoli ricadute positive: innanzitutto ci permetterebbe di sviluppare nuovi itinerari culturali e turistici, visitabili per tutto l'arco dell'anno, cosa ancora più efficace se viene svolta tramite un'azione congiunta tra le amministrazioni comunali e gli enti interessati, così da fare massa critica e intercettare maggiori risorse. Sarebbe poi l'occasione per replicare due modelli riusciti: il primo, quello rappresentato dalle Mura, dove la sinergia pubblico-privato ha permesso la rinascita del nostro monumento-simbolo; il secondo, invece, è il modello Valle del Serchio, dove l'azione unitaria di più enti, anche qui pubblici e privati, ha fatto sì che quel territorio ottenesse negli anni ingenti risorse, che, a cascata, hanno consentito anche la nascita di nuovi posti di lavoro, soprattutto fra più i giovani. E, a questo proposito, penso all'esempio rappresentato dalla Fortezza delle Verrucole. La strada dei Castelli tra Lucca e Pisa sarà una bella occasione di collaborazione tra i comuni di Lucca, Pisa, San Giuliano Terme e Vecchiano, insieme alle associazioni che da anni si impegnano in questo campo”.

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 29 Marzo 2018, alle ore 18:42