1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Una delegazione danese in visita ai servizi educativi del Comune di Lucca dedicati alla prima infanzia

04/04/2018

Una delegazione proveniente dalla Danimarca ha fatto visita nei giorni scorsi a due servizi educativi dedicati alla prima infanzia del Comune di Lucca, l'asilo nido Il Seme e il Kirikù.

La delegazione danese, coordinata dalla capogruppo Ulla Engholm, era composta da 31 persone tra educatori, insegnanti, coordinatori  responsabili e collaboratori di 2 centri per bambini da 0-6 di Copenhaghen. Il gruppo si trovava in Toscana per conoscere alcune  realtà  educative significative   rivolte alla prima infanzia, accompagnata dai professori Inger Haugaard & Ole Hjordt-Vetlesen, che  da anni  organizzano viaggi studi educativi in Italia.

La visita è stata l'occasione per far conoscere e dare valore al sistema dei servizi educativi intergrati per la prima infanzia della città di Lucca, caratterizzato da aspetti pedagogico-educativi ed organizzativi di qualitatà, che suscitano interesse.
Si sono potute condividere e scambiare riflessioni su alcuni aspetti importanti dell'educazione dei bambini al nido, quali la costruzione dei contesti di esprienze, la cura degli spazi, le routine e la relazione tra adulti e bambini e tra bambini, l'educazione all'aperto e  in natura, la relazione tra autonomia  e rischio, la partecipazione delle famiglie, la formazione permanente del personale, il ruolo delle istituzioni nella governance dei servizi.

Dopo la visita ai due servizi, la delegazione danese ha incontrato l'assessora alle politiche formative Ilaria Vietina,  il dirigente Antonio Marino e la responsabile Marina Ciccone del settore servizi educativi prima infanzia, le coordinatrici pedagogiche comunali e le due cooperative di riferimento (Arnera e La Luce).

"Si è trattato di un'occasione importante – commenta l'assessora Vietina -  nella quale scoprire e riconoscere punti di condivisione e differenze dalle quali trarre stimolo per aprirsi a innovazioni e a trasformazioni, ognuno nel proprio contesto, nell'ottica di implementare la qualità educativa, culturale e interculturale dei servizi".

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 05 Aprile 2018, alle ore 18:35