1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Al pittore Gualtiero Passani la Medaglia della città di Lucca

20/06/2018

E' stata consegnata questa mattina (20 giugno) in Comune la Medaglia della città di Lucca al pittore Gualtiero Passani per la sua carriera artistica.
A consegnare il riconoscimento al pittore che, nato a Carrara nel 1926, dagli anni Settanta vive e lavora a Lucca, è stato il sindaco Alessandro Tambellini, che ha voluto in questo modo sottolineare i meriti artistici e culturali del pittore “adottato” dalla città di Lucca.
“Gualtiero Passani – ha detto il sindaco – ha saputo vivere di arte in maniera libera e profonda e, attraverso gli anni trascorsi come insegnante all'istituto Magistrale, ha trasmesso a generazioni di lucchesi la passione e insieme il rigore necessari ad ogni creazione artistica che aspiri ad essere definita tale. E' per questo che oggi la città di Lucca rende omaggio al pittore, al professore e all'uomo Passani, riconoscendo così i meriti di una lunga e proficua carriera spesa al servizio della ricerca del bello”.

Gualtiero Passani è nato a Carrara il 19 aprile del 1926, dove fin dall'infanzia mostra una notevole attitudine per il disegno e la pittura. Da ragazzo frequenta l'istituto d'arte all'Accademia di Belle Arti della sua città natale e, più tardi, si perfeziona alla Scuola d'Acquarello di Vienna. Nel 1948 fu ispiratore e fondatore del “Sodalizio Artistico di Arti Figurative”, movimento cui aderirono molti pittori e scultori carraresi. Nello stesso anno si colloca il fecondo incontro con il poeta e storico dell'arte Alessandro Parronchi.  Nel 1950, ad appena 24 anni, realizza gli affreschi per la Sacrestia delle Grazie, a Carrara. Negli anni successivi l'opera di Passani riscontra importanti riconoscimenti nell'ambito  della Biennale di Venezia e della Quadriennale di Roma: in particolare viene riconosciuta alla sua produzione artistica lo spirito innovativo e la costante ricerca che la anima. Conservando sempre una orgogliosa autonomia, Passani si è confrontato nel corso della sua lunga carriera con alcuni fra i più noti artisti del Novecento: Ottone Rosai, Arturo Dazzi, Mosey Levy, Ardengo Soffici, Pablo Picasso.
Alla fine degli anni Settanta, trasferitosi a Lucca dove inizia l'insegnamento all'istituto Magistrale, Gualtiero Passani decide di non partecipare più a mostre ed eventi pubblici: in linea con il senso profondo che ha dell'arte concepita come libertà di espressione, intende così evitare ogni condizionamento del mercato speculativo. Dopo avere acquistato una casa isolata a Nozzano, la trasforma in alloggio-studio e, insieme alla moglie Antonia e alla figlia Lydia ne fa il suo eremo dove poter continuare a creare in piena libertà.

Nel 2015 il Comune di Carrara ha attribuito al pittore Gualtiero Passani l'alta onorificenza riconoscendone “la coerenza e la sperimentazione artistica”. Oggi anche la città di Lucca, attraverso l'attribuzione della Medaglia, intende onorare il Maestro per la proficua carriera artistica.

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 21 Giugno 2018, alle ore 10:06