1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Due denunce per occupazione abusiva, un rimpatrio immediato e due daspo urbani

02/08/2018

Si è svolta ieri (mercoledì 1 agosto) un'operazione congiunta dei Nuclei Sicurezza Urbana e Pronto Intervento della Polizia Municipale di Lucca e dell'Ufficio Immigrazione e Questura di Lucca. All'alba gli agenti hanno messo in atto un blitz per controllare lo stabile abbandonato di proprietà pubblica sito in via di Camaiore, a fianco dell'area del Foro Boario, oggetto di segnalazioni da parte di alcuni cittadini che avevano notato persone introdursi nell'edificio.

All'interno, in condizioni igieniche precarie, sono state sorprese nel sonno due persone: una cittadina lucchese di circa 40 anni e un cittadino di nazionalità marocchina di circa 35 anni. Entrambi sono stati denunciati per il reato di occupazione abusiva di immobile pubblico, mentre il cittadino extracomunitario, risultato privo di permesso di soggiorno e particolarmente pericoloso, è stato inoltre espulso dal territorio italiano con rimpatrio immediato. All'interno dell'immobile sono state rinvenute modeste quantità di sostanze stupefacenti e una pianta di Cannabis, per le quali ai due occupanti è stata contestato pure l'illecito amministrativo, per la detenzione di stupefacenti per uso personale.

Nella stessa mattinata l'attività congiunta si è poi dedicata all'applicazione del nuovo regolamento di Polizia Urbana entrato in vigore lo scorso 27 luglio, ai fini della repressione dell'attività di accattonaggio molesto e di parcheggiatore abusivo.

Durante un controllo in Piazza Santa Maria gli agenti operanti hanno sorpreso due cittadini africani, in regola coi documenti, che svolgevano attività di parcheggiatore abusivo e contestualmente alla sanzione pecuniaria e al sequestro dei proventi dell'attività irregolare i due sono stati colpiti anche dal cosiddetto "daspo urbano", con ordine immediato d'allontanamento per 48 ore dal luogo della commessa violazione, il cui eventuale mancato rispetto potrebbe costare la ben più severa misura di allontanamento disposta dal Questore.

“Ringrazio i cittadini che hanno segnalato i casi al centro dei nostri interventi – ha dichiarato l'assessore alla sicurezza Francesco Raspini – si tratta di fenomeni spesso complessi e non semplici da risolvere ma siamo risoluti a proseguire le azioni di controllo del territorio per scoraggiare e reprimere questo genere di situazioni. Ringrazio i Nuclei Sicurezza Urbana e Pronto intervento della Polizia Municipale il cui lavoro, come vedete da questi frequenti report, è particolarmente intenso e prezioso”.

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 02 Agosto 2018, alle ore 18:09