1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Edifici Storici: al via la catalogazione con il supporto di sei giovani professionisti

03/08/2018

Al via la catalogazione degli edifici storici presenti nel territorio comunale. A effettuare il lavoro che sarà fondamentale per la redazione del Piano Operativo - che segue il Piano Strutturale approvato lo scorso anno - sarà un gruppo di sei giovani professionisti, di età inferiore ai 29 anni, selezionati attraverso un apposito bando di tirocinio non-curricolare. Tra gli obiettivi del PS, infatti chi è quello di declinare nel Piano Operativo – di prossima stesura – la classificazione del patrimonio edilizio esistente di valore storico documentale, con particolare attenzione alle ville, alle fattorie e alle corti rurali. “Si tratta di un lavoro imprescindibile e di primaria importanza perché tale schedatura – spiega l’assessore all’Urbanistica Serena Mammini – definirà il quadro conoscitivo del futuro Piano Operativo e consentirà la definizione di un’appropriata categoria d’intervento nel prossimo strumento urbanistico”.

L’attività di rilevazione permetterà di individuare in dettaglio la consistenza del patrimonio edilizio storico esistente e l’identificazione dei valori riconoscibili sotto il profilo architettonico, testimoniale e documentale, lo stato di conservazione (fisica e tipologica), i fattori e gli elementi di alterazione o degrado. “Le operazioni – aggiunge l’assessore Mammini – si avvarranno di una specifica applicazione adattata e perfezionata dall’Ufficio di Piano del Comune di Lucca per questa attività. Grazie all’impegno di tutti coloro che hanno permesso questo supporto informatico, andremo ad utilizzare quindi sul campo strumenti innovativi che permetteranno di velocizzare e snellire le procedure”.

Attraverso dei tablet dati in dotazione ai professionisti impegnati nel progetto e l’utilizzo dell’applicazione, i rilievi porteranno nel dettaglio alla compilazione di due schede identificative dell’edificio e delle unità volumetriche relative. Ciascuna scheda conterrà inoltre una documentazione fotografica sull’aspetto esteriore e sulle sistemazioni esterne degli edifici, oltre che la sua posizione geografica. Il personale addetto quindi dovrà anche fotografare le facciate delle strutture, i manufatti e gli spazi aperti di pertinenza. Tutta la schedatura realizzata in fase di rilievo sui tablet sarà immediatamente visibile su una mappa dinamica anche ai tecnici dell’Ufficio di Piano che, in tempo reale, potranno validare i risultati e catalogarli definitivamente in un database centralizzato dell’Ufficio SIT.

Le operazioni di rilevamento saranno effettuate dai sei giovani: Simone Bonito, Elena Gemignani, Alessia Pardi, Alessandro Petroni, Martina Ranieri, Beatrice Rossi, suddivisi in tre gruppi di intervento e inizieranno lunedì 6 agosto. La mole di dati da registrare riguarderà diversi aspetti: la descrizione dell’edificio, compresa l’indicazione della tipologia edilizia, lo stato di conservazione, l’area di pertinenza e l’accessibilità; la catalogazione delle singole Unità Volumetriche di cui ciascun edificio è composto con le specifiche informazioni in riferimento alla destinazione d’uso, alla tipologia del manto di copertura e della muratura esterna. A tutto ciò farà da corredo un’ampia documentazione fotografica.

“I sei giovani saranno impegnati per circa sei mesi perché il lavoro da effettuare è molto ampio e spazia su tutto il territorio comunale – conclude l’assessore Mammini – Nello svolgimento delle operazioni la collaborazione da parte della cittadinanza sarà utile e fondamentale per la facilitazione dei rilievi: per questo il personale sul territorio sarà riconoscibile da un apposito cartellino. Il fine ultimo sarà quello di andare a realizzare il Piano Operativo e poi il successivo regolamento che andrà a disciplinare l’urbanistica nel territorio comunale. Ringrazio fin da ora tutti coloro che hanno permesso il concretizzarsi di questo progetto e auguro ai giovani professionisti un buon lavoro con l’auspicio che questa esperienza possa aumentare il loro bagaglio di conoscenze e competenze professionali”.

INFORMAZIONI UTILI - Il rilievo riguarda solo gli spazi aperti di pertinenza e l’esterno degli edifici. Non comporta quindi per il personale addetto la necessità di accedere all’interno dei fabbricati. Il personale non è autorizzato a svolgere sopralluoghi per verificare la regolarità urbanistica e edilizia degli edifici. I giovani che opereranno sul territorio saranno identificabili da un apposito cartellino. Le attività avranno inizio il 6 agosto.

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Sabato, 04 Agosto 2018, alle ore 8:10