1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Piano infrastrutturale per l'e-mobility: ecco dove sorgeranno le colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici

10/07/2019

Il piano infrastrutturale per l'e-mobility a Lucca di Enel X - la nuova divisione del Gruppo Enel dedicata a mobilità elettrica, servizi innovativi e digitalizzazione - è a un passo dalla sua realizzazione. Dal prossimo 15 luglio, infatti, partiranno i lavori per l'installazione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, che serviranno sia il traffico urbano che extraurbano. E Lucca sarà una delle prime città d'Italia a rendere operativo il piano, che va a potenziare la rete di ricarica elettrica toscana già presente a Firenze, Siena e Pisa e in molte altre località della regione, sempre grazie all'infrastruttura Enel. Sarà quindi possibile raggiungere in auto elettrica Pisa da Firenze, facendo un pieno di energia a Lucca, e raggiungere la costa della Versilia, sviluppando così una mobilità elettrica turistica.

Le aree interessate dai lavori sono: via dei Pubblici Macelli (area parcheggio), parcheggi di via delle Tagliate a San Marco, Palatucci, Carducci, via per Camaiore-via della Scogliera (nel tratto in prossimità della Terrazza Guglielmo Petroni), via di Santa Maria del Giudice (a ridosso del parcheggio posto di fronte al civico 3576), traversa III di via delle Tagliate (zona parcheggio), piazza Chiara Matraini a San Marco (quinto e sesto posto auto a partire dal tratto pedonale di fronte all'ingresso dell'ex ospedale Campo di Marte), via dei Bacchettoni, in prossimità dell'ingresso al parcheggio Mazzini, via di Sant'Alessio (zona parcheggio di fronte al civico 1733), via Giuseppe Mazzini a San Concordio (zona parcheggio di fronte al civico 59). Nelle aree interessate dai lavori sarà istituito il divieto di sosta con rimozione coatta.
Le nuove infrastrutture, di ultima generazione, saranno di tipo quick da 44 kW (due prese da 22 kW per ogni colonnina) e consentiranno ai veicoli elettrici di effettuare una ricarica in modo “intelligente” e “interoperabile”, elemento quest’ultimo particolarmente importante perché il possessore del mezzo elettrico potrà effettuare la ricarica indipendentemente dalla società di vendita con cui avrà stipulato il contratto. L’installazione e la manutenzione delle postazioni di ricarica sarà a cura di Enel X che, peraltro, mette a disposizione dei clienti la nuova app JuicePass, l’innovativo servizio di ricarica che offre un’interfaccia unica per ricaricare l’auto in ambiente domestico o lavorativo, nonché su una rete di oltre 6.100 punti di ricarica pubblici in 18 paesi europei, grazie all’accordo di interoperabilità recentemente siglato con gli operatori IONITY e SMATRICS. Entro la fine di luglio, JuicePass sarà disponibile anche negli app store di Spagna, Romania e Stati Uniti.
 
“Con l'adesione al progetto di Enel X, Lucca è diventato comune capofila in Italia per una nuova sfida sui temi della qualità dell’aria, della sostenibilità ambientale e della mobilità ecologica e virtuosa - commenta l'assessore alla mobilità, Gabriele Bove – Lavoriamo per rendere il nostro comune sempre più sostenibile: da una parte l’impegno sul trasporto merci ecologico, dall’altra la partecipazione a bandi europei e nazionali per incentivare la mobilità alternativa alla macchina, non solo per le merci, ma soprattutto per le persone; il tutto portando avanti e concretizzando le azioni previste dal piano urbano della mobilità sostenibile”.

L’installazione delle infrastrutture di ricarica rientra nel Piano Nazionale per la mobilità elettrica che vede Enel impegnata nell’installazione di 28 mila punti di ricarica entro il 2022. Il piano – che prevede una copertura capillare in tutte le regioni italiane attraverso l’installazione di stazioni di ricarica a 22kW (quick), stazioni a 50kW (fast), stazioni fino a 350kW (ultrafast) – è dinamico, flessibile, aperto a tutti coloro (enti pubblici e/o privati) che intendono collaborare per la crescita della mobilità elettrica in Italia.

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 10 Luglio 2019, alle ore 16:42