1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

#LuccaLegge

L’iniziativa del Comune per promuovere le librerie di Lucca

Sosteniamo le nostre librerie, sosteniamo la lettura!

Scegliete, chiamate, ordinate, andate a ritirare o aspettate il vostro libraio o la vostra libraia di fiducia direttamente a casa.


#LuccaLegge: si chiama così l'iniziativa ideata dall'amministrazione comunale per valorizzare le librerie presenti nel comune di Lucca che hanno deciso di riaprire o che svolgono attività di consegna a domicilio, per promuoverle e far conoscere ai cittadini l'esistenza di una rete culturale attiva e propositiva.
È una prima iniziativa per valorizzare e promuovere il made in Lucca in tutti i suoi molteplici aspetti. Le librerie rappresentano il tessuto culturale del nostro comune: ne abbiamo diverse, dentro e fuori le Mura, tutte molto amate dai cittadini, tutte da sempre capaci di promuovere iniziative, incontri, progetti e idee. Anche loro, come altri negozi, sono state pesantemente danneggiate dagli effetti del Coronavirus e dovranno fare i conti con una situazione tutt'altro che semplice: la nostra intenzione è di sostenere queste situazioni, abbiamo creato il Fondo di Mutuo soccorso proprio per intervenire a supporto di chi, più di altri, è rimasto pesantemente danneggiato dalla pandemia. Intanto, in attesa di azioni più strutturate, abbiamo deciso di fare loro da cassa di risonanza: sia che abbiano deciso di riaprire, sia che preferiscano puntare tutto solo sulla consegna a domicilio poco importa. C'è una Lucca che legge e che ci tiene a sostenere le proprie librerie: la nostra volontà è di promuovere ogni attività con apposito materiale pubblicitario, da divulgare su tutti i canali del Comune, così da far conoscere a ogni cittadino cosa offrano le varie librerie presenti sul territorio comunale.

Le librerie interessate a promuovere la propria attività devono scrivere un’email a suap@comune.lucca.it entro venerdì 17 aprile. Nell’email occorre indicare: nome attività, tipologia di servizio effettuato (apertura, consegna a domicilio, entrambe le cose), numero di telefono o email.

 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Lunedì, 27 Aprile 2020, alle ore 13:23