1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina

Contenuti della pagina

Coordinamento attuazione percorso “2030"

U.O. 3.3 Mobilità e strategie ambientali

Palazzo Santini - Via C. Battisti, 14
tel. 0583/4422 - fax 0583/442402 - pec: comune.lucca@postacert.toscana.it
 
Dirigente: Mauro Di Bugno - tel. 0583/442339 - fax 0583/442402 - email: m.dibugno@comune.lucca.it
Responsabile di U.O. Pamela Salvatore - tel: 0583/442354 - email: psalvatore@comune.lucca.it

Normativa

L’Amministrazione Comunale di Lucca ha dimostrato già negli scorsi anni la propria sensibilità ai temi del cambiamento climatico e sostenibilità ambientale, dello sviluppo sociale ed economico in senso sostenibile e dell’efficientamento energetico, portando avanti diversi progetti, molti dei quali anche finanziati dall’Unione Europa, dal Ministero dell’Ambiente e dalla Regione, che avessero come obiettivo finale la riduzione delle emissioni dei gas serra in atmosfera e l’instaurazione di buone pratiche ambientali, quali l’efficientamento energetico ed il trasporto sostenibile.

Il Consiglio Comunale ha approvato la Deliberazione n. 18 del 15 marzo 2019 nella quale dichiara di riconoscersi nel documento proposto dai movimenti “Earth Strike Lucca” e “Fridays for future Lucca” e riconosce altresì l’impegno e la sensibilità sulla tematica del cambiamento climatico portati avanti dagli stessi.
Il Consiglio Comunale ha riconosciuto la priorità assoluta per tutti gli enti locali, governi statali e organizzazioni internazionali, di attivare, nelle proprie aree di competenza, azioni finalizzate ad azzerare le emissioni nette di gas serra; tale priorità si inserisce all’interno dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, di natura integrata e indivisibile, individuati dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvando la Risoluzione A/RES/70/1 “Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile” del 21 ottobre 2015.

 
 

Tra le 17 priorità di intervento figurano tra l’altro:

  • la n. 7: “Assicurare a tutti l'accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni” che si pone tra i suoi obiettivi quello di garantire l'accesso universale ai servizi energetici a prezzi accessibili, affidabili e moderni e di aumentare entro il 2030 notevolmente la quota di energie rinnovabili nel mix energetico globale, nonché di raddoppiare il tasso globale di miglioramento dell'efficienza energetica;
  • la n. 11: “Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili” che mira specificatamente tra l’altro a fornire l'accesso a sistemi di trasporto sicuri, sostenibili, e convenienti per tutti, aumentare l'urbanizzazione inclusiva e sostenibile e la capacità di pianificazione e gestione partecipata e integrata dell'insediamento umano in tutti i paesi, a rafforzare gli impegni per proteggere e salvaguardare il patrimonio culturale e naturale del mondo e ridurre l'impatto ambientale negativo pro capite delle città, in particolare riguardo alla qualità dell'aria e alla gestione dei rifiuti, nonché a aumentare notevolmente il numero di città e di insediamenti umani che adottino e attuino politiche e piani integrati verso l'inclusione, l'efficienza delle risorse, la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici;
  • la n. 13: “Adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze” che identifica come obiettivi realizzativi, tra gli altri, il rafforzamento della resilienza e la capacità di adattamento ai rischi legati al clima e ai disastri naturali in tutti i Paesi, l’integrazione nelle politiche, nelle strategie e nei piani nazionali le misure di contrasto ai cambiamenti climatici, il miglioramento dell’istruzione, della sensibilizzazione e della capacità umana e istituzionale riguardo ai cambiamenti climatici in materia di mitigazione, adattamento, riduzione dell'impatto e di allerta precoce.

Con Delibera di Giunta Comunale n. 132 del 4 giugno 2019 il Comune di Lucca ha dichiarato lo stato di “emergenza climatica” e ha dato indirizzo per l’avvio del percorso per la realizzazione della strategia di sostenibilità ambientale per il Comune di Lucca ed il cui scopo primario è tendere alla riduzione a zero delle emissioni locali nette di gas serra entro il 2030 sul territorio comunale.

 

Con Delibera di Giunta Comunale n. 216 del 24 settembre 2019 si è ritenuto doveroso assicurare assistenza tecnico-scientifica, credibilità e sostenibilità alle azioni da intraprendere, individuando un soggetto istituzionale in grado di effettuare la rilevazione dati necessaria, assicurarne l’elaborazione finalizzata ad un monitoraggio continuo e periodico dei risultati di riduzione raggiunti rispetto alle azioni intraprese; tale supporto richiede continuità e condivisione delle finalità scientifiche, nonché individuazione di possibili spunti di innovazione governativa e progettuale, anche in termini di ricerca e formazione scientifica, pertanto è stato ritenuto opportuno valutare la disponibilità ed il coinvolgimento di istituti di ricerca universitari nazionali con cui avviare un percorso di collaborazione di ampio respiro, che sia istituzionalizzato e di reciproca utilità riguardo agli aspetti scientifici del progetto.

Iter

Collaborazione tecnica: Accordo tra la SSSUP Sant'Anna di Pisa, Istituto di Management e il Comune di Lucca per la condivisione degli obiettivi e degli interessi tecnico-scientifici  volti alla ricerca in materia di sostenibilità, per il collegamento delle strategie comunali con gli obiettivi di sviluppo globale e per il disegno di strategie di governance comunale per la riduzione dei gas climalteranti.
Baseline: L’Amministrazione intende adottare un approccio realistico e consapevole dei propri limiti, che però tenda a superarli e a creare una prospettiva di azione nuova, che si basi su un metodo scientifico in grado di misurare e definire, pur con le insite approssimazioni, un base di riferimento emissiva (c.d. baseline) per il territorio comunale, che verrà assunta come “punto 0” in base al quale verificare e monitorare l’efficacia del Piano d’azione che verrà elaborato entro la fine del corrente anno e che dovrà prevedere il dettaglio delle azioni in grado di ridurre le suddette emissioni di una percentuale reale e attuabile entro il 2030, potenzialmente tendente allo zero emissivo netto.
Gruppo di Lavoro: Il processo di elaborazione del “punto 0” di riferimento, nonché di redazione, implementazione e monitoraggio dei risultati del Piano di Azione è incardinato nella struttura organizzativa comunale primariamente tramite “un Gruppo di lavoro” trasversale, che coinvolge tutti gli uffici comunali potenzialmente interessati dal percorso di sviluppo e primariamente quelli interessati da economia circolare, transizione ecologica riguardante mobilità ed edilizia, efficienza energetica e sicurezza idrogeologica.

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 23 Luglio 2020, alle ore 17:11