1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina

Contenuti della pagina

FAQ Vendita di stampa quotidiana e periodica

- Il titolare di un punto vendita esclusivo per la vendita di stampa quotidiana e periodica può rinuncia alla vendita di periodici mantenendo solo i quotidiani?
No, la rinuncia alla vendita di periodici da parte di rivendite esclusive comporterebbe violazione alle disposizioni contenute nel Titolo II Capo IV della Legge Regionale 28/05, violazione che prevede l'applicazione di sanzioni amministrative (Art. 102 c. 2 LR 28/05) salvo poi eventualmente valutare la sussistenza dei requisiti necessari al mantenimento dell'autorizzazione alla vendita in caso di recidiva persistente.

- Un punto vendita esclusivo di giornali e riviste può presentare comunicazione per l'aggiunta di uno e entrambi i settori merceologici?
L'art. 12 c. 4 della L.R. 28/05 così recita: "I punti vendita esclusivi di quotidiani e periodici di cui all'art. 23, c. 1 lettera a) hanno titolo a porre in vendita tutti i prodotti relativi al settore merceologico non alimentare" di conseguenza non sussiste l'obbligo di comunicazione. Al contrario, la vendita di prodotti alimentari implica il possesso dei requisiti professionali (art. 14 c. 1 lett. a) della legge regionale) e la comunicazione anche alla Azienda sanitaria (Reg. C.E. 852/04 art. 6). La vendita di caramelle, confetti, cioccolatini, gomme da masticare e simili, nei punti vendita esclusivi e non esclusivi, è consentita senza il possesso dei requisiti di cui all'art. 14, comma 1, lettera a).

- Nel caso in cui il titolare di una attività per la vendita di giornali e riviste (che ai sensi dell'art.25 c. 4 bis vende caramelle etc, senza il possesso di requisiti professionali) intenda porre in vendita altre merci riferite al settore merceologico alimentare (oltre alle caramelle e simili), anche attraverso distributore automatico rifornito direttamente senza l'intervento di ditta esterna, è richiesto ugualmente il requisito professionale e sono necessarie le comunicazioni da un punto di vista igienico-sanitario?
La vendita di caramelle, confetti, cioccolatini, gomme da masticare e simili, effettuata dal titolare dell'autorizzazione alla vendita di prodotti editoriali, - senza il necessario requisito professionale di cui all'art. 14 c.1 lett. a) della L.R. 28/05 -, è condizione speciale che la legge regionale riserva esclusivamente all'esercizio di questo tipo di attività (p.v. esclusivo e non di stampa quotidiana e periodica) e solo per i prodotti sopra indicati (c.d. pastigliaggio) in base all'art. 25 c. 4 bis LR 28/05.
Al di fuori di questa fattispecie, l'esercizio - in qualsiasi forma - di una attività commerciale relativa al settore merceologico alimentare deve essere svolta nel rispetto di quanto previsto dall'art. 14 della L.R. 28/05 e dal D.P.G.R. 40/R/06.



Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Martedì, 27 Maggio 2014, alle ore 12:39