1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Videosorveglianza a Lucca: varato il collegamento tra le sale operative della Polizia Municipale e quelle di Questura e Carabinieri

Videosorveglianza a Lucca: varato il collegamento tra le sale operative della Polizia Municipale e quelle di Questura e Carabinieri

E' stato firmato stamattina dal Prefetto di Lucca, Giovanna Cagliostro ed il Sindaco, Alessandro Tambellini, un protocollo attuativo del Patto per la Sicurezza sottoscritto in data 8 giugno 2010, alla presenza del Ministro dell'Interno, per migliorare la vivibilità del territorio attraverso la sinergia tra Forze dell'Ordine ed organi di polizia Locale. Con l'accordo di oggi viene data attuazione agli impegni assunti nel patto con specifico riferimento ai collegamenti tra la Sala Operativa del Comando della Polizia Municipale e quella della Questura e dell'Arma dei Carabinieri.
La proposta è arrivata dal Sindaco di Lucca che, nella riunione di Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica del 13 novembre scorso, aveva manifestato l'intento di procedere alla realizzazione del suddetto collegamento, attraverso l'attestazione presso le Sale Operative della Questura e del locale Comando Provinciale dei Carabinieri di un sistema per la visualizzazione diretta delle immagini riprese dalle telecamere in uso alla polizia municipale di Lucca.
Il sistema prevede che il monitoraggio costante delle immagini spetti agli organi di Polizia Locale, che procederanno all'allertamento delle Forze di Polizia in flagranza di reato o per qualunque altro episodio di turbativa dell'ordine e della sicurezza pubblica.
Peraltro anche fuori dai casi precedenti, le Forze di Polizia potranno acquisire e registrare, d'iniziativa, direttamente dai sistemi in uso presso le proprie Sale Operative, le immagini relative a potenziali situazioni di rischio per finalità investigative e di controllo del territorio.
Il Comitato Provinciale ha, pertanto, valutato favorevolmente la proposta dell'Amministrazione Comunale, riconoscendone la funzionalità ai fini del controllo del territorio ed allo scopo di migliorare il sistema di  prevenzione e repressione dei reati e degli altri illeciti rilevanti per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica.
Il progetto, voluto dal Prefetto Giovanna Cagliostro, ha trovato l'assenso del Questore di Lucca, Claudio Cracovia e del Comandante Provinciale dei Carabinieri, Stefano Fedele, che hanno valutando di fondamentale importanza l'implementazione del controllo elettronico del territorio come misura atta a migliorare l'efficacia e la tempestività della risposta delle forze di polizia a situazioni emergenti.
"E' un altro importante passo avanti nella direzione di una collaborazione sempre più efficace con la Prefettura e con le Forze di Polizia che operano sul territorio lucchese" commenta soddisfatto il Sindaco Alessandro Tambellini.


Gli fa eco Francesco Raspini, assessore alla sicurezza: "Siamo convinti che anche in materia di sicurezza, dove è prevalente la competenza dello Stato, anche il Comune possa e debba fare la propria parte. Per questo abbiamo deciso di mettere a disposizione della Questura e del Comando dei Carabinieri una soluzione tecnica con la quale intendiamo dare risposta alla crescente domanda di sicurezza, soprattutto in relazione ai quei reati di natura predatoria che destano maggiore allarme sociale".

 


 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 21 Maggio 2014, alle ore 11:32