1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Consiglio Comunale, seduta del 19 dicembre

Consiglio Comunale, seduta del 19 dicembre

Il Consiglio Comunale di questo pomeriggio si è aperto con la discussione sulla riorganizzazione della sanità lucchese, dopo la richiesta di consiglio straordinario presentato dai componenti della Commissione Sociale. La Commissione, all'unanimità, aveva avanzato la richiesta "in relazione agli imminenti e importanti cambiamenti che riguardano l'assistenza sanitaria nel territorio del Comune di Lucca, anche in considerazione dell'implementazione del nuovo Ospedale per acuti". Per la Commissione dunque "si rende necessario un attento dibattito politico che accompagni tutta la fase di transizione e cambiamento".

La Commissione Sociale ha presentato un ordine del giorno che impegna il sindaco e la giunta ad attivarsi con il supporto imprescindibile della ASL 2, a partecipare ai cittadini la riorganizzazione del sistema sanitario toscano (e quindi lucchese), con particolare riguardo allo strumento della Casa della Salute che troverà realizzazione nel presidio Campo di Marte e alla generale rimodulazione dei servizi territoriali. Il documento impegna inoltre a concorrere direttamente e presentare al Consiglio Comunale, attraverso la Conferenza dei Sindaci e le relative articolazioni zonali: alla formazione di una programmazione territoriale che sia volta ad assicurare alla cittadinanza, nell'ambito del nuovo quadro frutto del processo di riorganizzazione in atto, la reale continuità ospedale-territorio, l'effettiva integrazione socio sanitaria, lo sviluppo dell'assistenza domiciliare quando questa possa rappresentare un valore aggiunto nel completamento del percorso sanitario, con la ristrutturazione e il potenziamento dei centri sociosanitari con finanziamenti regionali o di altra natura; alla mitigazione degli aspetti negativi del project-financing rispetto ai servizi non sanitari a corredo del nuovo ospedale che va a riflettersi sulla situazione occupazionale dei lavoratori dei servizi di Campo di Marte attualmente appaltati; a prevedere al Campo di marte un rilevante e significativo numero di posti letto destinati alle cure intermedie e di sollievo di trasferirvi l'hospice tempestivamente; a prevedere al Campo di Marte un congruo numero di nuovi posti letto esclusivamente dedicati alla riabilitazione con codice 56; alla realizzazione al Campo di Marte di un centro polifunzionale che metta assieme le esperienze delle attività dei consultori, la pluralità di competenze oggi assegnate al Punto Donna presso l'Ospedale di Lucca, la piena integrazione con l'attività di educazione alla salute promossa dalla ASL 2 e dove sia anche prevista una specifica attività di mediazione culturale, risultando a tutti gli effetti come centro di eccellenza per la completezza e la multidisciplinarità dell'approccio con il coinvolgimento del dipartimento materno infantile.

L'ODG impegna inoltre a rafforzare l'interlocuzione istituzionale con la Regione Toscana e l'ASL 2 al fine di garantire la valorizzazione delle eccellenze presenti nel sistema sanitario lucchese e dare centralità alle problematiche socio sanitarie della comunità lucchese, nell'ottica di essere realmente di supporto nel predisporre i nuovi strumenti di programmazione sanitaria, coinvolgendo anche gli attori del terzo settore; a sollecitare la Regione Toscana ad attuare la programmazione socio sanitaria regionale nei tempi appropriati che permettano una coerente programmazione di Area Vasta e zonale; ad impegnari nell'ambito della conferenza dei sindaci, di cui si auspica la presidenza per il sindaco del Comune capoluogo, secondo le specifiche competenze, a svolgere un ruolo attivo e fattivo per la realizzazione di una programmazione socio sanitaria locale nei tempi appropriati che permettano una coerente programmazione di area vasta e zonale; ad avviare urgentemente, contemporaneamente al confronto che vede coinvolti Comune, Regione e ASL rispetto all'accordo del 2005, un percorso di massimo coinvolgimento delle categorie economiche e sociali e dell'intera popolazione lucchese nella definizione della futura destinazione di Campo di Marte non a destinazione sanitaria, da collocarsi comunque nell'ambito di soluzioni urbanistiche più generali. Infine, il documento impegna il sindaco e la giunta a riferire al Consiglio Comunale gli stati di avanzamento dei lavori riguardante la viabilità connesse al nuovo ospedale e lo stato di avanzamento della riqualificazione di Campo di Marte stesso; a coinvolgere la commissione sociale nelle fasi di definizione delle scelte strategiche da definire sin dalle fasi progettuali, nella definizione dei percorsi attuativi delle stesse nonché nell'individuazione delle risorse economiche necessarie.

Dopo un'ampia discussione che ha visto gli interventi di numerosi consiglieri e l'intervento del direttore generale della ASL 2, Antonio D'Urso, e del presidente della Provincia Stefano Baccelli, il documento, anche alla luce di emendamenti - presentati dal consigliere Angelini (Governare Lucca), dal consigliere Mura (Noi per Lucca al Centro) e dalla consigliera Mercanti (PD) -  è stato approvato con 17 voti favorevoli, 1 contrario, 1 astenuto e 1 non voto.

Sul tema è stato presentato un odg anche dalla consigliera Rosellini (M5S) (che ha accolto anche un emendamento del consigliere Angelini). Il documento è stato respinto.

 


 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 21 Maggio 2014, alle ore 11:32