1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Progetti per il recupero di spazi in disuso: l’amministrazione propone diverse opzioni ai componenti del collettivo Torpedo

9 ottobre 2014

L’amministrazione comunale propone nuove possibilità ai componenti del collettivo Torpedo. Gli assessori Antonio Sichi e Celestino Marchini infatti, durante un incontro tenutosi a Palazzo Orsetti, hanno spiegato ai giovani che per l’affidamento delle Madonne Bianche sta per essere pubblicato un nuovo bando dopo la manifestazione di interesse da parte di alcuni privati. Per questo anche il collettivo potrà, se lo desidera, presentare un progetto e partecipare al bando per l’affidamento che prevede, come finalità, una gestione dedicata allo sport e alla fruibilità di uno spazio all’aperto, quindi all’aggregazione.

Inoltre gli amministratori hanno proposto al collettivo di presentare progetti per l’utilizzo di altri spazi al momento in disuso e che, grazie ad operazioni di questo tipo, potrebbero tornare alla collettività. Si veda per esempio il progetto presentato dall’Associazione Culturale Quartiere San Concordio che ha permesso, nei mesi scorsi, la riapertura della sede dell’ex circoscrizione 7 grazie alla realizzazione di una biblioteca e di un luogo dove poter recarsi per leggere un libro e stare in compagnia.

Riguardo alla proposta del collettivo di utilizzo della parte dell’ex Manifattura Tabacchi non interessata dal Progetto Piuss, l’amministrazione ha precisato che tale parte rientra nel piano delle alienazioni del 2016, quindi non è possibile ad oggi assegnare tale spazio. Riguardo alle affermazioni dei giovani di Torpedo sulla situazione economica del Comune, l’amministrazione precisa che il Bilancio è stato approvato il 21 di agosto ed ha avuto la conferma del perfetto equilibrio il 7 ottobre.

Tra gli spazi proposti dagli assessori Sichi e Marchini, l’ex scuola del Piaggione, l’ex scuola di Nozzano, l’ex scuola di Vinchiana e l’ex Omni di Farneta. Tutto quello che gli amministratori chiedono è che ci sia la presentazione di un progetto da cui partire. L’auspicio di questa amministrazione infatti è quella di poter recuperare molti degli spazi pubblici al momento in disuso e che potrebbero tornare a nuova vita grazie all’impegno del mondo dell’associazionismo che a Lucca è da sempre molto attivo.


 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 09 Ottobre 2014, alle ore 16:25