1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Patti di cittadinanza per la gestione dei beni comuni, si estende il modello-Lucca

13/06/2019

Nuovi patti di cittadinanza in arrivo a Lucca, per volere dell’amministrazione Tambellini. Il progetto dell’amministrazione condivisa sta prendendo piede e sta interessando sempre più cittadini, come emerso anche martedì (11 giugno) in occasione dell’evento “Cittadini attivi e beni comuni a Lucca”, tanto che il modello-Lucca sulla gestione dei beni comuni si estenderà ulteriormente nel prossimo futuro.

Il progetto è semplice: i cittadini propongono un progetto per rivitalizzare un luogo pubblico, prendersene cura, popolarlo di idee e di persone e, dal canto suo, l’amministrazione comunale mette a disposizione uno spazio comune, di sua proprietà, ma non utilizzato. È successo così a Santa Maria a Colle con il centro civico “Il Bucaneve”, oppure al Piaggione con il centro di cittadinanza attiva nato nell’ex scuola della frazione. Ed è quello che presto accadrà anche in alcune scuole del territorio, dove genitori e cittadini vorrebbero ricreare un centro pomeridiano a disposizione della popolazione - una su tutti è quella della scuola primaria di Vallebuia -, oppure lungo le rive dell’Ozzeri, dove un gruppo di cittadini di Pontetetto e San Concordio ha deciso di prendersi cura di quel polmone verde, oggi poco valorizzato, che collega Cerasomma e Montuolo all’acquedotto del Nottolini. E poi c’è chi vorrebbe intervenire direttamente sui giovani, quelli in età adolescenziale, come strumento di contrasto all’abbandono scolastico, e quelli che cercano lavoro.

“C’è un fermento bellissimo a Lucca - commentano gli assessori Ilaria Vietina e Gabriele Bove - un attivismo, da parte di cittadini appassionati e vogliosi di occuparsi del bene comune, che va valorizzato, assecondato e sostenuto. Lo strumento dell’amministrazione condivisa è perfetto per queste situazioni: ci permette di recuperare o di riaprire spazi pubblici e comunali abbandonati o chiusi, aggregare e coinvolgere quante più persone possibili, strutturare sul territorio una rete di servizi, di occasioni di incontro, di progetti e di centri di aggregazione prima inesistenti. Una grande rete di donne e uomini a disposizione di tutte le età e di tutte le situazioni sociali, economiche o culturali. Presto partiremo con altri patti di cittadinanza, un progetto che viene visto di buon occhio anche da altri comuni, vicini e lontani, e che vorremmo estendere a macchia d’olio su tutto il territorio”.

Cittadinanza attiva e cura dei beni comuni: due temi cari all’amministrazione Tambellini che martedì scorso sono stati lungamente dibattuti nella sala del consiglio comunale. L’incontro è stata l’occasione per fare il punto sull’esperienza di Lucca, a due anni dall'approvazione del Regolamento che disciplina la cura, le gestione condivisa e la rigenerazione dei beni comuni. Ne hanno parlato gli assessori Bove e Vietina, il presidente di Labsus (Laboratorio per la sussidiarietà), Gregorio Arena, la referente regionale di Labsus, Rossana Caselli e Simona Bottiglioni, in rappresentanza del Comune di Capannori.

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Sabato, 29 Giugno 2019, alle ore 14:05