1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina

Contenuti della pagina

Toscana - area di criticità

Le nuove regole dal 1° maggio 2022

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che dal 1° maggio regolerà le nuove norme anti Covid. I punti ricalcano quanto il Parlamento aveva già approvato in giornata con l’emendamento presentato su mascherine e Carta verde. Mentre sul Green pass la linea del governo si è mostrata più flessibile, consentendo il totale via libera a partire da domenica prossima, per i dispositivi anti Covid la strada è ancora in parte quella della prudenza. Per specifici luoghi e ambienti al chiuso non sarà ancora consentito liberarsi dell’obbligo di mascherina fino al prossimo 15 giugno. La proroga vale per trasporti, cinema, teatri, e ancora scuole, ospedali ed eventi sportivi. Nei luoghi di lavoro sarà valida soltanto una raccomandazione a proteggersi, tranne disposizioni interne dell’azienda. 

Chi terrà le mascherine fino al 15 giugno
Secondo l’emendamento approvato dal Parlamento nelle ultime ore, il via libera all’obbligo di mascherina sarà concesso a tutti tranne che in specifici luoghi ritenuti ancora troppo a rischio in termini di contagio. A partire dal 1° maggio, data di scadenza delle vecchie disposizioni anti Covid, non potrà togliere la mascherina chi farà ingresso nei seguenti spazi:

Mezzi di trasporto
Per salire su aerei, treni a lunga percorrenza ma anche su metro, bus e navette del trasporto locale sarà obbligatorio tenere la mascherina ancora fino al 15 di giugno. 

Scuole
Il ministro Speranza assieme al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha ritenuto rischioso togliere l’obbligo di mascherina a poco più di un mese dalla fine delle attività scolastiche. Anche in questo caso alunni, docenti e operatori scolastici saranno obbligati a indossare la mascherina negli spazi chiusi delle scuole fino al 15 giugno. 

Cinema, teatri, locali di intrattenimento (tranne le discoteche)
In accordo con il ministro della Cultura Dario Franceschini, con tutta probabilità l’ordinanza di Speranza attesa nelle prossime ore stabilirà una proroga dell’obbligo di dispositivo anti Covid anche per i cinema, i teatri, locali di intrattenimento e musica dal vivo, eventi culturali al chiuso in generale. 

Stadi e competizioni sportive
Negli stadi, nei palazzetti e durante tutte le competizioni sportive al chiuso, tifosi e spettatori saranno obbligati a indossare ancora la mascherina fino alla data del 15 giugno. 

Ospedali e Rsa
La proroga decisa dal governo Draghi riguarderà anche i lavoratori, gli utenti e i visitatori di tutte le strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali. Nell’elenco sono anche comprese le Rsa, le strutture di lungodegenza e quelle riabilitative. 

Luoghi di lavoro
Per gli uffici si raccomanderà «la necessità di proteggere naso e bocca» ma non ci sarà obbligo a meno che non sia stabilito da un accordo aziendale. Nel testo dell’emendamento non si fa riferimento esplicito al lavoro (sia pubblico che privato). La linea, che l’ordinanza del ministro dovrà confermare, è quella di raccomandare i dipendenti a proteggersi. In casi specifici ci sarà comunque la possibilità di firmare protocolli specifici a seconda dei settori, saranno in quel caso le aziende a decidere per misure più restrittive.

 

COVID-19, superamento della fase emergenziale

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge con le disposizioni per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell'epidemia da Covid-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza prevista per il 31 marzo 2022.

Consulta il decreto legge in Gazzetta Ufficiale

Sinteticamente il decreto stabilisce:

  • obbligo di mascherine: viene reiterato fino al 30 aprile l’obbligo di mascherine ffp2 negli ambienti al chiuso quali i mezzi di trasporto e i luoghi dove si tengono spettacoli aperti al pubblico. Nei luoghi di lavoro sarà invece sufficiente indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie; 
  • fine del sistema delle zone colorate;
  • capienze impianti sportivi: ritorno al 100% all'aperto e al chiuso dal 1° aprile; 
  • protocolli e linee guida: verranno adottati eventuali protocolli e linee guida con ordinanza del Ministro della salute.


Il 31 marzo 2022 cesserà lo stato di emergenza Covid-19

Sul sito del Governo è stata aggiornata al 13.03.2022 la tabella delle attività consentite senza green pass, con green pass "base" e con green pass "rafforzato"

 
 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Venerdì, 29 Aprile 2022, alle ore 9:34