1. Menu principale
  2. Menu di sezione
  3. Contenuti della pagina
testata per la stampa della pagina
Menu principale

Contenuti della pagina

Emergenza Covid: prolungato anche a tutto il 2021 lo sgravio per le associazioni sportive che hanno in gestione gli impianti sportivi comunali

16/03/2021

Anche per il 2021 il Comune di Lucca riduce in maniera sensibile i canoni d'uso alle oltre 40 società sportive che operano a Lucca e che hanno in concessione annuale o pluriennale impianti sportivi comunali.

L'amministrazione infatti, in linea con quanto fatto per il 2020,  quando nell'ambito della manovra Lucca Riparte e in continuità con il Decreto 'Cura Italia' ha azzerato completamente tre mensilità del canone d'uso, applicando per le altre la  la tariffa nei limiti del 20% di quanto stabilito originariamente, anche per il 2021 ha stabilito la riduzione sul canone annuale d'uso a tutte quelle società sportive che hanno in concessione annuale o pluriennale un impianto sportivo comunale nel periodo che va dall'1 gennaio al 31 dicembre 2021, prevedendo la gratuità per 5 mesi e applicando su sette mensilità lo sgravio dell'80 per cento della tariffa.

“Con questa delibera presa dalla giunta – spiega l'assessore allo sport Stefano Ragghianti – abbiamo inteso continuare a sostenere lo sport dilettantistico del nostro territorio, colpito duramente dalle vicende legate alla pandemia. II prolungamento dell'emergenza sanitaria ha infatti costretto le associazioni a sospendere anche per la stagione 2020-2021 qualsiasi attività, in ottemperanza ai Decreti emanati dal Governo per il contenimento dei contagi.   Il nostro auspicio è che questo ulteriore sgravio, valido per tutto il 2021, possa contribuire a una ripartenza delle attività portate avanti con passione dalle realtà associative locali, che svolgono anche un'importante funzione  aggregativa e sociale, a favore soprattutto dei giovani”.

Lo sgravio sui canoni d'uso degli impianti comunali sarà applicato automaticamente alle associazioni sportive e comporterà sul Bilancio del Comune un mancato introito di 100.000 euro.

“Nei prossimi mesi – aggiunge Ragghianti – ferme restando le necessarie compatibilità con il Bilancio, esamineremo ulteriori aiuti anche per i soggetti che non hanno in concessione impianti comunali e per tutte le varie realtà legate all'attività sportiva”.

 
 

Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©

Ultimo aggiornamento: Martedì, 16 Marzo 2021, alle ore 16:54